Oggi vi racconto come affronto la mia estate sicura, con i solari Angstrom (i miei preferiti)

La filosofia dell’azienda di solari Angstrom, gira intorno alla sicurezza della nostra pelle, per questo fin da subito, ho amato i loro prodotti. E così finalmente, la prima volta che mi sono esposta al sole, li ho portati con me e mi sono sentita “protetta”. Per il viso ho usato una protezione 50, data la mia pelle chiara, piena di lentiggini, e avendo due nei, che mi caratterizzano il viso, ma pur sempre delicati, ho preferito iniziare con la massima copertura. Il resto del corpo, l’ho protetto con una 30, applicandola 2 volte, nel corso della giornata.

solari angstrom - una giusta abbronzatura

La filosofia dei solari Angstrom si fonda sul garantire a noi consumatori accaniti di sole, una corretta esposizione, seguendo un approccio scientifico.

Posso parlarvi per esperienza personale, anche una blogger di Roma può bruciarsi (fino a farsi venire le bolle d’acqua) è un dolore inaudito, che oltremodo, fa tremendamente male alla pelle. Quando è successo a me, ero piccola e non lo feci neanche per stupidità adolescenziale, ma per una vera svista, dovuta alla mia tenera età. Vi consiglio di non bagnarvi la maglietta con acqua del mare e poi giocare a pallavolo 😉

solari angstrom - una giusta abbronzatura

solari angstrom - una giusta abbronzatura

La mia pelle è uguale a quella dei bambini, bianca e delicatissima, ma sopratutto con innumerevoli tatuaggi; con i solari Angstom sono felice, perché sono SICURA di NON ustionarmi.

Ogni anno per me è una tremenda croce scegliere che protezione mettere sui miei attacchi d’arte (tattoo), con la protezione a 30, mi sono salvata anche da semplici arrossature. Insomma, se funziona con la mia pelle, funzionerà con tutti. Estremamente idratante, è oramai la mia compagna di viaggi.

NEXT STOP –> Sicilia 

solari angstrom - una giusta abbronzatura

Vi racconto brevemente la storia dell’azienda…

Nato nel 1980, da anni e tra i principali marchi di solari venduti in farmacia. Unisce scienza, tecnologia, ricerca dermocosmetica. Il suo nome, deriva dal grande scienziato A.J. Angstrom (studiò la lunghezza d’onda della luce e le radiazioni ultraviolette). Grazie a lui e a i suoi studi, oggi conosciamo gli effetti dannosi dell’esposizione sbagliata al sole.

Baci.

Federica Paola Muscella